La coreana Sei Young Kim ha girato in 64 (-7) colpi e con lo score di 131 (67 64, -11) ha preso il comando del Marathon Classic (LPGA Tour), in svolgimento sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club (par 71), a Sylvania nell’Ohio,

Ha perso posizioni Giulia Molinaro, da 20ª a 64ª con 142 (68 74, par), e sono uscite al taglio, caduto a 142, la dilettante Virginia Elena Carta, 114ª con 148 (72 76, +6), e Silvia Cavalleri, 128ª con 151 (75 76, +9).

Sei Young Kim (nella foto), 26enne di Seoul, vincitrice in stagione del Mediheal Championship ottavo successo sul circuito,, ha realizzato sette birdie senza bogey e ha lasciato a un colpo la connazionale Jeongeun Lee6 (132, -10), a segno in un major, l’US Womens Open a fine maggio. Inseguono al terzo posto con 133 (-9) Lexi Thompson, Stacy Lewis e la neo pro Jennifer Kupcho, che ha guadagnato undici posizioni con un 66 (-5).

Occupa la  15ª  piazza con 137 (-5) la canadese Brooke M. Henderson e sono sparse lungo la classifica la giapponese Haru Nomura, 38ª con 140 (-2), l’australiana Minjee Lee, 51ª con 141 (-1), e la Jasmine Suwannapura, campionessa in carica, stesso score della Molinaro. Il montepremi è di 1.750.000 dollari.

I RISULTATI

L’articolo LPGA: sale in vetta Sei Young Kim, scende Molinaro sembra essere il primo su Federgolf.